Alex Honnold sale slegato El Captain, Yosemite.

Sabato 3 Giugno 2017 , in 3 ore e 56 minuti, Alex Honnold ha compiuto l’impresa che sognava e preparava da una vita: scalare completamente slegato, scarpette e magnesite unici strumenti, la mostruosa parete di El Captain, Yosemite Valley. Ha scelto la via Freerider, che percorre la “antica” via Salathé per poi aggirarla, 30 tiri con difficoltà 7C .

Vi proponiamo la traduzione della prima intervista rilasciata per National Geographic , una chiacchierata con Mark Synnott , scrittore e climber.

 Tutte le foto (c) Tom Evans per elcapreport.com 

alex sveglia un cameraman durante la scalata de El Cap

 

Lo scrittore e scalatore Mark Synnott ha invitato Alex Honnold nella sua prima spedizione internazionale di arrampicata a Low’s Gully ,Borneo nel 2009, e in successivi viaggi a Ciad, Oman e Terranova. Nel corso degli anni hanno mantenuto un dialogo serrato sui temi più delicati dell’arrampicata e hanno discusso i pericoli della salita in “free solo”, senza corde o altri dispositivi di sicurezza.

E’ significativo che i primi momenti dopo l’ esser stato il primo uomo a scalare El Captain slegato, Alex Honnold si è seduto con il suo vecchio amico al Manure Pile, un popolare luogo di scalata ai piedi di El Capitan. Ha mangiato una mela, ha ascoltato gli uccelli e ha descritto l’esperienza sognata da una vita. La loro conversazione è stata editata per  chiarezza.

Hai appena avuto la giornata migliore della tua vita. Oppure è il miglior giorno della tua vita.

Onestamente, credo che questo sia il momento di maggior soddisfazione nella mia vita. Esattamente quello che speravo. Mi sentivo così bene. È andata molto meglio di quanto pensassi.

La montagna ti è sembrata spaventosa questa mattina?

No, non credo che la montagna sembrasse spaventosa questa mattina. Tutto sembrava uguale. Non avevo nulla addosso, e l’arrampicata è stata incredibile. Non come al solito, trascinando 60 metri di corda dietro di me per tutta la montagna, mi sono sentito molto più energico e fresco.

Come ti sei sentito all’inizio?

Non perfettamente. Forse non ho bevuto abbastanza ieri, ero disidratato forse. Ho avuto mal di testa quando sono andato a letto. Non mi sentivo stressato perché in un certo senso avevo già inserito l’autopilota .

Camminando verso la base della parete, era ancora abbastanza buio. Ho iniziato leggermente prima di quanto dovuto perché volevo essere sicuro di essere il primo (scalatore) alla base. Ho visto un orso fuggire sul sentiero. Penso di averlo spaventato.

Dimmi com’era il tuo stato d’animo.

In fondo ero leggermente nervoso. Voglio dire , è un grosso muro che ti sovrasta. È qualcosa di enorme. E poi sulla Freeblast (placche lisce di granito senza prese), ero leggermente teso, ma mi sono sentito veramente bene, alla fine.

Hai già realizzato la cosa ?

Sinceramente ora mi sento come se fossi in grado di rifarlo daccapo. Mi sento a mio agio.

 

Un altro giro sulla parete ? Yikes!

Mi sento così bene.

Stai per scalare ancora, oggi?

Probabilmente no. Ma oggi è un giorno di allenamento, mi devo appendere un po ‘. (Nota dell’editore: per allenarsi gli scalatori usano una “hangboard”, una tavola con prese varie per migliorare la loro forza nelle dita)

Quindi non è finita qui per te ?

Penso di no. Voglio dire che voglio ancora una volta fare cose dure. Voglio dire che non ti ritiri appena sei tornato giù.

(Ridendo) Questa è la frase del giorno finora. Penso che tu sia veramente bravissimo.

Noooo

C’erano alcuni gruppi di scalatori sulla parete. Ha parlato con qualcuno?

Ho passato cinque persone addormentate – ma non ho veramente chiacchierato con nessuno.

Si sono svegliati?

(Ridendo) Nessuno ha veramente detto niente. Tutti sono rimasti tranquilli e cool.

A un certo punto ti guardavo attraverso un telescopio. A Heart Ledge sembrava che stessi cercando una bottiglia d’acqua che avevi nascosto senza svegliare nessuno.

Ho svegliato un ragazzo e lui ha detto “oh hey”. Poi, quando sono passato, penso che abbia svegliato discretamente i suoi amici, perché quando ho guardato giù erano tutti tre in piedi lì come per dire ‘ma cosa ca****’?

Nelle foto uno dei climber sembra indossare un costume da unicorno [ndT: vedi foto di elcapreport.com]

Quale costume? Non ci ho fatto caso…

Com’era l’atmosfera quando sei arrivato in cima ?

Abbiamo finito per scambiarci abbracci per un po ‘. Eravamo tutti abbastanza sconvolti.

Ieri cosa hai fatto, prima dell’impresa ?

Sono andato a fare escursioni con mia madre e alcuni dei suoi amici. Poi ho guardato l’ultimo film degli Hobbit .

Non hai nemmeno trascorso un giorno di riposo prima che di fare questa scalata da solista ?

No, ed era parte del piano. Non vuoi arrivare a fare una cosa del genere non preparato. Ci voleva esercizio leggero. Perché fisicamente (la salita) non è così difficile da eseguire. È molto più il fatto che si deve essere esattamente nel posto giusto (mentale), quindi stavo cercando di creare il posto giusto.

Come hai dormito la notte scorsa?

Oh, ho dormito come un bambino. Mi sono svegliato intorno alle 2:30 o alle 3:30, pensando , ‘Facciamolo!’ E poi guardo l’orologio e penso , ‘oh’, quindi sono tornato a dormire e poi mi sono svegliato alle 4:30.

Quando avrai 70 anni, andrai a Yosemite con i tuoi nipoti che vedranno El Capitan. E tu che gli dirai?

Bambini, questa parete richiede circa quattro ore per salire da soli – dopo anni di sforzo. (ride)

Quali sono i momenti di questa impresa che ti rimarranno impressi fino ai 70 anni ?

Il Monster è stato uno dei momenti migliori perché ti senti completamente sicuro e senza corde mi è sembrato davvero facile . Scommetto che non è mai stato scalato così velocemente. _Mentre ero lì pensavo “è proprio scorrevole”, mi divertivo molto.

Dal Round Table fino alla cima è sta quasi una celebrazione di scalata . Era come fare il giro della vittoria allo Stadio. Mi sentivo Karate Kid.

Mai un momento di dubbio?

Non ci sono stati momenti di dubbio. Il Freeblast è stato certo impegnativo . E sul primo tetto (all’inizio del terzo tiro), ero  un po’ teso perché ero solo all’inizio del percorso. E il problema di Boulder che certamente è il punto cruciale della scalata [ndT vedi immagine di copertina di montagnamagica su Facebook]. Probabilmente è stata quella la cosa più difficile.

Hai pensato a qualcosa di diverso dall’arrampicata mentre salivi sul muro?

Durante tutto il terreno facile, nel mezzo, attraverso il Mostro e fino alla Spire, stavo pensando a roba casuale – tutto il gruppo  di persone che mi hanno sostenuto su questa cosa. Ho ricevuto una email da (amico e compagno di scalata) Conrad Anker questa mattina. Quindi stavo pensando a Conrad e al suo intero ethos “di essere gentili, essere buoni, essere felici.”

E ho anche pensato in termini di obiettivi di vita. Questo è stato il mio obiettivo di vita più grande per anni. E l’altro è quella di salire una via di 9a . (Nota dell’editore: 9A si riferisce ad uno dei livelli più alti e fisicamente più esigenti dell’ arrampicata sportiva.) Quindi sono a metà del muro e penso che sia il momento di concentrarsi sul 9a. È così eccitante lavorare su qualcosa di duro e nuovo.

Così hai già un nuovo obiettivo?

Per tutto il tempo in cui ho lavorato a El Cap una strategia è stata proprio quella di guardare oltre. Pensare a quello che è al di là di ciò che sto facendo mi eccita. 

Altrimenti pensi che ti lasceresti andare, se non facessi così ?

Non puoi metterti molta pressione in momenti della vita dove tutto si concentra su “questo momento”. Questo è stato il mio grande obiettivo per anni e il mio grande sogno per anni, ma vorrei ora lavorare sui miei limiti fisici e scendere dal treno dell’avventura per un po ‘di tempo.

Quindi lavorerai su questo con la sicurezza della corda.

Penso che non mi fisserò su progetti di free solo per un pò.

Ho parlato con Peter Croft, pioniere del salire slegati. Era uno dei tuoi eroi quando eri un ragazzo. Non c’è niente altro da fare ora,per quanto lo riguarda . Ha detto che El Cap è stato il passo finale.

È così che ho sempre sentito, ma chissà se tra un paio di anni …chissà ?

Pensi di diventare mai veramente appassionato di alpinismo davvero tosto ?

Davvero ne dubito. Non è successo finora.

Cosa altro hai in mente come obiettivi ? C’è qualche cosa di personale?

Non lo so. Immagino possa esserlo avere una famiglia.

Tua mamma sa cosa hai fatto su El Cap?

Non ho ancora parlato con lei. Non credo neppure che sappia di questo progetto, sai? Mi sento un po’ strano al proposito. La chiamerò .Anche se non so nemmeno cosa dirle. “Hey, a proposito …” Potrebbe pensare che l’avessi già fatto. Lei non sa davvero la differenza tra libera arrampicata e la libera in solo.

Cosa pensi che sia stato questo progetto per Jimmy Chin e la squadra  che ti ha ripreso?

Per me è stato meglio non pensare a cosa passavano gli altri…. Sono sicuro che quello che ho fatto sia stato estremamente stressante per tutti gli altri coinvolti, ma per me è stata una sfida abbastanza grande persino percorrere la base e mettere le scarpe. Perché quando arrivi e guardi su pensi, “questo è un muro grandissimo.”

Tutti sono rimasti freddi e concentrati. Penso che questo sia stato praticamente “l’equipaggio” migliore che avrei potuto avere.

Ho fiducia in chiunque sia stato nel progetto. E poi dopo un anno e mezzo di lavoro, arrivi a fidarti di tutti.

Avete idea di quanto sia grande quello che hai fatto?

Questa è la cosa divertente. Non ti sembra un grosso affare quando finalmente lo fai, perché ci hai messo tanto sforzo dentro… Voglio dire che il punto è quello di non impazzirci sopra, a pensare..

Pensi che il mondo abbia bisogno di qualcosa di nuovo come quello che hai fatto, di questi tempi ?

Quello che il mondo ha bisogno è che gli Stati Uniti restino negli Accordi di Parigi. Ci sono problemi più grandi. Ma penso che sia sempre bello per qualcuno il lavorare a qualcosa di difficile e raggiungere il proprio sogno. Speriamo che le persone possano trarre ispirazione da questo.

Cosa farai oggi pomeriggio?

Probabilmente mi eserciterò con l’hangboard.

Stai andando a fare un allenamento ??

Voglio dire, tra un po ‘, sì. Voglio mangiare un po’, voglio andare all’ombra e poi probabilmente mi appendo e alleno per un po’. Sono perfettamente riscaldato, ho appena fatto quattro ore di esercizi leggeri, sai? 

L’intero processo di raggiungimento di questo sogno mi ha permesso di vivere i momenti migliori della mia vita, che mi fa sperare di migliorarmi. Solo perché ho raggiunto un sogno non significa che voglio abbandonare la ricerca di una “versione migliore” di me stesso. Voglio essere il ragazzo che si allena e rimane in forma e motivato. Solo perché hai finito un percorso grande non significa che dopo abbandoni il cammino.

Una persona normale si prenderebbe probabilmente il pomeriggio libero, dopo aver scalato slegato El Cap.

Ma io mi appendo alla tavola e mi alleno ogni giorno, e domani sarà un altro giorno…

Ora che hai liberato in solo El Cap, potresti farlo di nuovo?

Se avessi una ragione, potrei probabilmente salire di nuovo a El Cap, nessun problema.  Quell’ ostacolo mentale è stato eliminato. Se qualcuno mi offre $ 250.000 domani, direi, ” facciamolo, ca *** ,yeah”. Ci andrei di corsa.

Fai il bravo, Alex. Non c’è bisogno di farlo di nuovo. Perché è pericoloso, giusto?

Mi sono sentito molto meno spaventato di molte altre scalate che ho fatto slegato.

Quale?

Probabilmente tutte. Perché ci ho messo così tanto lavoro in questo che avevo una grande confidenza.

Beh, è ​​fantastico.

Non avevo incertezza su questo. Sapevo esattamente cosa fare tutto in tutto il percorso. Molte delle prese della via le ho sentite come vecchi amici.

alex esce in vetta su El Cap