Tom Ballard e Daniele Nardi

fanatico
/fa’natiko/ [dal lat. fanatĭcus “ispirato”, der. di fanum “tempio”]  –  agg. [di persona che mostri eccessivo entusiasmo per la propria fede, le proprie convinzioni, e intolleranza verso qualsiasi altra posizione: un fanatico moralista]

 

Cronaca dei fatti sul Nanga Parbat


Daniele Nardi e Tom Ballard arrivano in Pakistan con l’obiettivo di scalare lo Sperone Mummery, che si erge come freccia puntata verso la cima del Nanga Parbat, sul versante Diamir – primo e dichiarato obiettivo dei due – e se possibile, proseguire fino alla vetta.

Il team, oltre ai due, comprende Rahmat Ullah Baig e Karim Hayat, esperti alpinisti pakistani con esperienza di alta quota. Entro la fine di Gennaio 2019, il team procede con buona lena fino alla base dello Sperone Mummery, a 5700 metri di quota, stabilendo 3 Campi (C1 deposito sui 4700mt, C2 sul ghiacciaio a 5200mt, C3 alla base dello zoccolo , 5700mt). Poi il maltempo ferma le operazioni , neve e valanghe si abbattono sul Nanga e seppelliscono C2 e C3 e i due pakistani, l’uno per problemi di salute, l’altro per timori della pericolosità delle valanghe, abbandonano la spedizione. 

Nardi e Ballard non demordono, si allenano al Campo Base sui grandi sassi con lunghe sessioni di drytooling, spalano in continuazione i Campi, perdono molto materiale tant’è che Nardi fa arrivare altri portatori per un rifornimento : nonostante sia ormai metà Febbraio, il morale e la determinazione dei due alpinisti rimangono alti.

Dopo la lunga sosta al Campo Base del Nanga Parbat per maltempo, si apre una finestra di tempo favorevole : Daniele Nardi e Tom Ballard partono il 22 Febbraio e si spingono fino a C2, posizionato sui 5200 metri.

Il 23 Febbraio, con zaini molto pesanti (in quanto il precedente C3 era andato distrutto dall’accumulo di neve da valanga) raggiungono e allestiscono C3 a 5700 metri, alla base dello Sperone. Riferiscono di essere un “pò stanchi”  , eppure riescono a salire 300 metri dello Sperone per allestire C4 , a 6000mt circa. Daniele Nardi riferisce che nevischia e c’è vento leggero, circa 20kmh con qualche piccola raffica oltre i 30kmh.

Sabato 24 Febbraio , verso le 15 ora pakistana, Daniele Nardi chiama la moglie col satellitare, riferendo di aver raggiunto 6300 metri, in stile leggero e di essere in discesa verso C4 , con meteo non buono : nebbia, nevischio e raffiche di vento. Annuncia alla moglie che la avrebbe richiamata una volta giunti a C4.

Alle 18:28 ora pakistana (le 14:28 italiane) Daniele Nardi  richiama, come promesso la moglie : “siamo a C4” [6000mt NdR] .Pochi minuti dopo, alle 18:35, la moglie di Daniele avvisa e conferma a Filippo Thiery  che i due sono a C4.

* Abbiamo evidenziato in neretto questa tempistica, perchè in tutti questi giorni abbiamo letto ipotesi diverse: i media hanno riportato che l’ultima comunicazione era avvenuta prima/durante la discesa da 6300mt a 6000mt *

E’ l’ultima comunicazione dei due.

Il giorno seguente lo staff di Nardi, dalla pagina Facebook che è canale primario della loro comunicazione – assieme ai rilanci de “Le Iene”,  popolare (e controverso, per il sensazionalismo che ne costituisce la cifra primaria) programma televisivo – annuncia che non vi è stato contatto con i due, “probabilmente per zona con assenza di campo” .

Cominciano, dietro le quinte, le preoccupazioni degli esperti : possibile che sia il satellitare che la radio in possesso dei 2 siano scariche o “senza campo” ?  Le fonti pakistane , tra cui Ali Saltoro, manager dell’agenzia in carico di logistica e addetti al Campo Base, è fiducioso che sia un problema di batterie scariche. 

Il 26 Febbraio mattina, si sparge una falsa voce che dice che i due stanno bene e sono a C4. Dopo frenetiche comunicazioni con le fonti pakistane, confuse e contradditorie, arriva la triste conferma che non c’è stato alcun contatto né visivo, causa nuvole sopra 5700 metri, né radio. 

Si cominciano ad attivare i soccorsi, coordinati dall’Ambasciatore italiano in Pakistan Stefano Pontecorvo.

Purtroppo, il 27 Febbraio, giorno in cui il tempo migliora decisamente, causa grandi tensioni militari a seguito dall’abbattimento di jet indiani su territorio pakistano conteso nelle zone del Kashmir, gli sforzi per un invio immediato degli elicotteri non hanno subito esito positivo. Muhammed Ali Sadpara, celebre alpinista pakistano, compagno di Nardi nelle due spedizioni al Nanga con Txikon, si offre immediatamente per andare a cercare i due, essendo vicino a Skardu ; così come i due ex compagni di Nardi e Ballard, Rahmat Baig e Karim Hayat.

Ed è così che il 28 Febbraio un elicottero riesce a sorvolare la zona dello Sperone, con a bordo Ali Sadpara, che riesce solamente ad avvistare la tenda al C3 semisepolta dalla neve ; tracce di valanghe nella zona, in più una ricognizione sulla via Kinshofer – nell’ipotesi che i due avessero progredito la scalata e fatto rientro dal plateau – non porta altro che all’avvistamento dei vecchi resti di una precedente spedizione.

Ali Sadpara e altri locali, una volta di ritorno al Campo Base, non avvistano null’altro che enormi valanghe che cadono dai seracchi sommitali all’uscita del Mummery.

 

Lo scenario diventa drammatico, e ormai si teme per la vita di Daniele Nardi e Tom Ballard.

E’ Marzo, sono passati oltre 5 giorni senza alcun avvistamento, nessuna pila frontale, nessun segno visibile sulla via che sale al centro della parete Diamir.

Alex Txikon e l’Operazione di Ricerca e Soccorso

Contemporaneamente, dal 28 Febbraio , al CB del K2, entrambe le spedizioni , in quel momento in pausa per il maltempo sul gigante del Karakorum, si offrono generosamente per un aiuto nella missione di Ricerca e Soccorso : dopo uno stallo dovuto al maltempo e a consultazioni tra famiglie, staff, Ambasciata e locali coinvolti la decisione è di chiedere l’intervento di Alex Txikon, unico ad avere droni capaci di una precisa ricognizione video, senza incorrere nei rischi di una ricerca su terreno pericoloso.

Si ripete lo scenario del 2018, quando il team di Urubko,Bielecki e soci abbandonò il K2 per soccorrere Elisabeth Revol e Tomek Mackiewitz, riuscendo a salvare la prima in un drammatico ed eroico soccorso.

Txikon non ci pensa un attimo ad abbandonare la sua spedizione al K2, lasciando gli Sherpa del suo team al Campo Base sul Baltoro e scegliendo il medico e i due fedeli compagni spagnoli nel team (operatore di droni e comunque alpinisti ), arriva dal K2, prelevato dagli elicotteri della Askari Aviation (ricordiamo che è un’agenzia che utilizza mezzi e piloti sotto controllo militare e a pagamento, parliamo di circa 50.000 dollari al giorno) e sorvola lo Sperone : nessuna traccia.

Viene scaricato a C1, per cominciare le operazioni di ricerca in loco e l’ispezione con i droni, che possono spingersi oltre i 6000 metri di altezza in totale sicurezza e con precisione di movimento , programmato con GPS ,etc.

foto Atta Ullah / drone per la ricerca Nardi e Ballard del team Txikon

I quattro spagnoli baschi, tra cui un dottore, non risparmiano forzi immensi salendo tra Campo Base e Campo 2 , in zona già pericolosa per gli scarichi, evitando valanghe e tracciando su terreno pieno di neve e infido di crepacci, sul ghiacciaio che si inerpica alla base dello Sperone .

Lo sforzo immane di Txikon e dei suoi, assieme agli alpinisti pakistani summenzionati, è più che generoso, commovente, rischioso, la comunicazione del team di Txikon sempre rispettosa, precisa e delicata verso le famiglie e chiara con i Media.

Lo spagnolo non si ritira quando è evidente che i due non torneranno vivi dalla montagna, non cede quando le evidenze di enormi valanghe suggeriscono che i due siano ormai sepolti e dispersi per sempre. Vuole dare una risposta alle famiglie, non vuole lasciare nulla di intentato .

Nonostante la lite e la rottura tra Txikon e Nardi nel 2016, con estromissione di quest’ultimo e l’entrata di Simone Moro e Tamara Lunger nel team composto da Txikon e Sadpara, in quella che si rivelerà la cordata che agguanterà la prima storica invernale del Nanga Parbat, nonostante tutto Alex Txikon è molto legato a Daniele Nardi ; questo suo mirabile sforzo, disperato ma determinatissimo, alla ricerca dei due alpinisti persi, è una sorta di catarsi, oltre a un obbligo morale che lo spagnolo già aveva dimostrato di seguire senza alcun dubbio, a costo della sua stessa spedizione, in passato. Inoltre, con Nardi nel 2015 sempre sul Nanga aveva raggiunto i 7800 metri, ad un “passo” dalla prima invernale lungo la via Kinshofer ; poi aveva compiuto una via incompiuta, parzialmente nuova e intensa su quella montagna pazzesca che è il Thalay Sagar nella sua parete Nord ; infine aveva passato due settimane di acclimatamento nelle Ande con Daniele, subito prima della spedizione – e la rottura dei rapporti tra i due – del 2016. 

E infine, il 5 e il 6 Marzo c’è il tragico epilogo, che ha un aspetto sorprendente e  terribile , in qualche modo epico: col telescopio Txikon avvista e riconosce i corpi di Nardi e Ballard, a 5900mt di quota, vicino al cosiddetto Campo 4; non sono quindi stati uccisi da una valanga, difficile anche immaginare una scarica di ghiaccio come causa dell’incidente fatale ; i loro corpi sono intonsi e visibili dopo oltre 1 settimana, poco distanziati, tra le rocce, con corde e tracce di materiali aggrovigliati e vicini ai corpi. Le immagini non sono chiare ma sono tremende, e i media non si risparmiano il triste banchetto finale di esposizione quasi oscena, ripetuta, condivisa fino alla nausea.

Le foto prese dal tele vengono inviate, via Ambasciata, alle famiglie, che compiono il triste e definitivo riconoscimento.

Il Team SAR guidato da Txikon

I rilanci dei Media e la reazione sui social

Non vogliamo spendere troppe parole per riassumere l’isteria e il frenetico accavallarsi di notizie ufficiose, ufficiali, non verificate ; si crea una gran confusione, anche gli esperti sono costretti a un lavoro di fact checking continuo; Anna Piunova, editor capo di mountain.ru ha fonti dirette nei soccorsi, alcune fonti pakistane sono estremamente confuse e non controllate , la narrazione dei fatti spesso contrasta, anticipa o è differente da quella , ufficiale, gestita dallo Staff di Daniele Nardi .

La notizia suscita grande clamore e va in prima pagina sui media mainstream, sui social accade uno scontro, accorrono orde di commentatori che seguono le stesse (orrende) dinamiche di giudizio sprezzante, di biasimo per gli alpinisti sconsiderati, e si accendono le tifoserie anche tra seguaci, più o meno attenti, dell’alpinismo.

Va detto che la scelta di Daniele Nardi, di instaurare un rapporto continuo di reportage video e news con “Le Iene”, drammaticamente rivela un effetto clamoroso di “backlash” : verrebbe da dire nomen omen (riferendosi alle…Iene ) , la massa in cerca di sensazionalismo e liti virtuali si affolla, in un bruttissimo spettacolo, nelle pagine social della suddetta trasmissione, per debordare – condivise, rilanciate, ribadite, travisate – con un eco enorme in tutto il mondo.

E naturalmente, sin dai primi giorni, quando ancora la speranza di trovare i due in vita era concreta, famosi alpinisti ed esperti vari rilasciano a catena, tra mezze smentite, risposte a terzi, etc., interviste, ipotesi tragiche, vere e proprie prese di posizione durissime sulla scelta di provare una via “quasi suicida”. Ma su questo torniamo dopo.

Ognuno dice la sua, diffamazioni, insulti, sberleffi, liti tra amici, indignazione da quattro soldi per i “soldi buttati via” per i soccorsi.

La figura di Daniele Nardi è in primo piano, d’altra parte lo scalatore romano ha sempre dovuto lottare per il riconoscimento del suo alpinismo, oggetto di critiche, figura istrionica e piena d’entusiasmo, tendeva a una certa drammatizzazione nei suoi racconti per le Iene ; saltano fuori tutte le vecchie polemiche con Moro, con Messner (vedi di seguito) . Tom Ballard, nonostante nell’ambiente sia considerato un fuoriclasse ed esperto su pareti difficili e pericolose sulle Alpi, viene marginalizzato – lui timido, introverso, riservato, schivo – e spesso ridotto al “giovane fuorviato” dal più esperto e abile Nardi in una impresa con incognite elevatissime su terreno a lui completamente sconosciuto.

Eppure, in tutto questo, succede anche un’altra cosa, degna di nota : una gran massa di persone finanziano il crowdfunding lanciato dalla famiglia e dagli amici di Ballard e Nardi, per le ingentissime spese degli elicotteri militari “a noleggio”. Vengono raccolti quasi 150.000 € in pochi giorni.  

Una volta avvistati e riconosciuti i corpi sulla parete, il finale e triste banchetto di sciacalli, di cui accennavamo prima, si compie, in improbabili analisi, impietose esposizioni di ipotesi più o meno macabre e ben poco rispettose del dolore e lutto terribile per le famiglie coinvolte, e presenti sui social.

Poi ci sono le prese di posizione dei grandi alpinisti, e nasce una contrapposizione che esula quasi dalla specificità della vicenda e dello scenario per “volare” sul terreno del cosa è possibile, cosa impossibile ora ma fattibile domani e cosa , invece, secondo alcuni, non andrebbe mai fatto né scelto da un’alpinista saggio, l’alpinista che vuole invecchiare ( citiamo il grandissimo Riccardo Cassin, praticamente: il grande alpinista è l’alpinista vecchio, e quindi vivo ).

E’ un capitolo a parte, che trattiamo di seguito, partendo dai due più famosi e autorevoli alpinisti italiani.

Le dure posizioni di Messner e Moro 

La posizione di Reinhold Messner sulla possibilità di scalare una via sullo Sperone Mummery era nota da qualche anno: in occasione di un incontro a Trento, affrontò piuttosto duramente Daniele Nardi, dicendogli :“salire sullo sperone Mummery non è un atto eroico, ma è stupidità”. Non arriva da nessuna parte, non è difficile ma il rischio non è gestibile ; è solo un imbuto di valanghe, in succo questa la sua posizione.

Va ricordato, a chi non conosce nei dettagli la storia personale del fuoriclasse altoatesino, che suo fratello Gunther fu ucciso da una valanga proprio al termine dello Sperone, già sul ghiacciaio , a quota 5500 metri circa, quasi al salvo dopo la incredibile scalata della parete Rupal col fratello, e la drammatica ritirata per la sconosciuta parete Diamir. Questa vicenda, nel 1970, segnò Messner per decenni, che fu travolto da polemiche. Messner è poi tornato per la sua celebre solitaria lungo una nuova via sul Diamir, che saliva a lato del Mummery ; infine, per recuperare i resti del fratello, restituiti dopo trent’anni dal Ghiacciaio, confermando finalmente la verità urlata e contestata da tanti.

Messner, nel corso delle ricerche sul Nanga, è ovviamente stato interpellato e ha rilasciato interviste, articoli sulla Gazzetta, il suo pensiero franco, duro e diretto: secondo lui, per quanto abbiamo compreso dalle parole pubblicate, Tom Ballard, fuoriclasse ma senza esperienza sulle grandi montagne oltre gli 8000 metri, è stato trascinato nell’ossessione senza senso di Daniele Nardi, “buon” alpinista ma secondo Messner artefice del quasi suicidio dei due, affrontando una via con troppi pericoli oggettivi e “che non portava da nessuna parte”.

Poi è stata la volta di Simone Moro , “Winter Maestro”, indubbiamente il più grande alpinista vivente italiano sugli 8000 , unico al mondo con ben 4 prime invernali .Da una prima dichiarazione di speranza e fiducia, presto confessa il timore per i due, dicendo che la sua sensazione e la logica dicevano che fossero morti sepolti da “tonnellate di ghiaccio e neve” , colti da una valanga.

Questo attorno alla fine di Febbraio e i primi di Marzo. 

Poi le polemiche sotto il suo profilo Facebook, con accuse risalenti agli screzi del 2016, vista anche la ricorrenza della Prima Invernale proprio sul Nanga, con diffamazioni vere e proprie, violente e categoriche affermazioni di disumanità e indelicatezza ; è comprensibile che l’alpinista ne rimanga molto amareggiato e innervosito ; Simone Moro però decide di chiarire, in modo ancora più netto e duro, se possibile, la sua posizione rilasciando una intervista al notissimo Desnivel , magazine spagnolo di alpinismo molto autorevole e serio , e sostanzialmente dice che Nardi è stato ossessionato da una via “quasi suicida”, “se in 125 anni nessuno l’ha affrontato e scalato c’è una ragione, è troppo rischioso”, “Messner ha scritto che [Nardi,NdR]si è suicidato.Ho scritto la stessa cosa di Messner, molte persone mi hanno chiamato e confessano che anche loro pensano la stessa cosa, ma la differenza è che io lo dico e gli altri lo pensano solamente”.

E anche il monito rivolto ai “giovani alpinisti”, dicendo in sostanza che la sua posizione scomoda era per lui necessaria come educazione a prendersi rischi si, ma non sfidando apertamente una via per lui nemmeno importante tecnicamente ma che è illogica e rappresenta praticamente una roulette russa.

Superarla “non porterebbe nulla alla storia dell’alpinismo”.

Simone Moro, in qualche modo, suggerisce che Tom Ballard si sia lasciato convincere a seguire un sogno non suo, senza consapevolezza diretta – a dire di Moro – che lo stesso bergamasco, “in quasi un anno al Nanga”, aveva sviluppato vedendo cadere valanghe colossali, continue, inesorabili, inevitabili lungo l’imbuto del Mummery.

Sempre su Desnivel, Simone Moro sottolinea che la speranza e l’invio di soccorsi a piedi è folle e che non dovrebbe succedere di mettere a rischio altre vite. “E’ ormai evidente che i due sono sepolti sotto tonnellate di ghiaccio”.

Simone Moro diventa il centro del dibattito “laterale”, mentre Alex Txikon è ancora impegnato duramente nelle operazioni “SAR” (Search and Rescue), escono interviste, rilanciate, modificate , mal titolate, e anche interventi televisivi, ulteriori precisazioni sui social : quasi come l’avesse previsto, arriva una tempesta su di lui, uno schieramento contrapposto di esperti e meno esperti d’accordo con la sua dura e razionale posizione e quelli che lo accusano di insensibilità, di supponenza, di inopportunità nel parlare di un’alpinista con cui ha sempre discusso e che apertamente non ha ritenuto degno di fiducia, fatto scritto nero su bianco dallo stesso Moro col libro sulla scalata invernale al Nanga Parbat.

E’ da notare che le violentissime accuse verso Moro sconfinano nella vera e propria diffamazione, nell’ingiusta valutazione di chissà quali invidie, in insinuazioni velenose su passato e presente, che scatenano – a nostro modo di vedere, e ne abbiamo anche brevemente discusso con lo stesso Moro, privatamente – una reazione comprensibile ma un po’ nervosa del bergamasco, fino al ritrovamento dei corpi dei due – che smentiscono tutte le ipotesi “altamente probabili” (che, a dir il vero, un po’ tutti gli esperti e meno esperti, compreso il dilettante che è il sottoscritto, avevano temuto) di valanga che li avesse spazzati via subito, la notte o al massimo il mattino dopo la scomparsa. Appare quasi certo che siano morti a breve distanza temporale dell’ultimo loro contatto del 24 Febbraio, ma non a causa di una valanga. Una caduta mentre allestivano o discendevano corde fisse, in zona C4, o il maltempo che li ha bloccati in discesa, portandoli alla morte per ipotermia , sono le ipotesi che trapelano anche da Alex Txikon. 

Simone Moro, una volta individuati i corpi dei due, rilascia  intervista al Corriere del Trentino che genera ancor più rumore, cortocircuito di interpretazioni e polemica, oltre ad essere rilanciata travisata o mal riassunta : apparentemente dichiara che “sta lavorando al recupero” delle salme, mettendosi a disposizione , “dopo un contatto” con lo Staff (o la famiglia?) di Nardi. Si scatenano nuove velenose accuse al bergamasco, poi la smentita di Moro : non ha preso alcuna iniziativa ma è in contatto con le famiglie di Nardi e Ballard e a domanda ha risposto che un recupero potrebbe essere possibile, e che lui si sarebbe messo a disposizione in caso fosse richiesto formalmente.

La polemica si chiude quando il padre di Tom Ballard esprime la chiara volontà di lasciare il figlio sulla montagna. Anche la famiglia di Daniele Nardi conferma la decisione : I corpi non verranno recuperati e rimarranno per sempre sul Nanga Parbat.

Della possibilità  di una via lungo lo Sperone Mummery

EDIT IMPORTANTE : Eross Zsolt , scalatore ungherese, è riuscito a scalare molto vicino, e in parte lungo lo Sperone Mummery, fino alla vetta e ridiscendere senza conseguenze (vedi Editor Note. Grazie a Rodolphe Popier, 8000ers.com e Philippe Poulet ).  Di questa scalata in solitaria, incomprensibilmente dimenticata e poco conosciuta, stiamo cercando di raccogliere maggiori dettagli. Ma la notizia è notevolissima. E confermata nelle statistiche di 8000ers.com !

ipotetico percorso via sperone mummery nanga parbat

Dichiaro subito che sono rimasto perplesso dal tono e dalla tempistica delle dichiarazioni  – che ovviamente hanno guadagnato i titoli e l’attenzione dei media e dei social – sia di Reinhold Messner che di Simone Moro . 

L’autorevolezza dei due, la loro conoscenza diretta del Nanga Parbat, la loro infinita esperienza,  non possono però costituire argomenti utilizzati per stroncare una discussione sul merito delle loro posizioni.

In particolare, di Reinhold Messner non condivido minimamente l’affermazione, ripetuta, che Tom Ballard sia stato “trascinato” in un’avventura al limite del suicidio perchè “senza esperienza di 8000” . Se questo ultimo punto è vero, Messner non cita i due mesi passati dal duo in Pakistan sul Link Sar. In più, sta parlando di quello che lui stesso aveva visto come “futuro luminoso dell’alpinismo”, un uomo di 30 anni con un curriculum impressionante, non di un ingenuo sognatore, incapace di valutare i rischi. Ricordiamo che Tom Ballard aveva perso suo madre, sul K2.

E’ vero, comunque, che anche in un recente incontro Messner aveva sconsigliato Ballard dall’accettare.

Ritengo che il tempismo di queste dichiarazioni, sia stato il punto più critico e discutibile.

Per quanto riguarda la posizione di Simone Moro, un punto che non ho capito e particolarmente condiviso è il dichiarato  intento “educativo” verso “i giovani alpinisti” , il suo volerli mettere in guardia dal trattare Nardi e Ballard come “esempio” ;il suo timore che il clamore e il trattarli da “eroi” potesse spingere altri .

Mi chiedo: quanti e quali giovani alpinisti, senza esperienza, verrebbero spinti al provare il Mummery , sulla base della narrazione dei media o dello stesso Nardi, avvenuta nel passato ? Leggendone sui social, poi ? Siamo sicuri che fosse necessario dirlo durante le ricerche ?  

Infine il dubbio che esprime il sottoscritto ( in compagnia di altri, ben più esperti e titolati – vedi più avanti) è innanzitutto che quella via non sia “quasi suicida”, e che il giudizio – pur competente ed esperto , motivato, razionale, condivisibile per certi versi  –  sia in contrasto con alcune delle stesse esperienze passate dai due e in generale con molte imprese allora definite suicide o impossibili .

Il rischio – e la scala soggettiva adottata da alpinisti molto differenti tra loro – può certamente essere in qualche modo misurato, ma affermare che se il Mummery non è stato mai scalato in 125 anni c’è una ragione ed è che è solo azzardo e spinta a un quasi sicuro suicidio, e che se nessuno a parte Nardi l’ha voluto affrontare è perchè NON va tentato perchè è una sfida folle e sostanzialmente inutile,  è un’opinione, non una certezza supportata da dati oggettivi, numerici, osservazioni, eccetera. 

Non riesco ad essere d’accordo anche quando Moro definisce una possibile via sul Mummery “nulla che porterebbe valore aggiunto alla storia dell’alpinismo”.

Tra parentesi – e attenzione, non c’entra nulla Simone – è parecchio circolata , in molti degli articoli letti sui media, la frase “d’altra parte il Mummery ha ucciso tutti quelli che ci hanno provato” – e di questo, ahimè, proprio Le Iene e Nardi, nelle presentazioni video sensazionalistiche hanno avuto un ruolo.

Ma questa è un’affermazione assurda, perchè nessuno (e vedremo più avanti i dettagli) lo ha mai veramente affrontato in scalata – a parte Nardi, Revol, Ballard – e l’unico morto nelle statistiche conosciute, prima della tragedia di questi giorni, era stato Gunther Messner in discesa sulla via. Alla base del Mummery, non sul Mummery. E in condizioni spaventose, con i due ai limiti delle allucinazioni, provatissimi, senza acqua cibo e da giorni sulla montagna.

 

La stessa testimonianza di Alex Txikon, la più autorevole e diretta, dopo i lunghissimi giorni di osservazione e studio via drone nei giorni di Soccorso, via terra, via telescopi è che la via scelta dai due fosse “molto intelligente“, “più sicura di quanto si potesse credere”, e che la zona veramente critica per le valanghe era quella tra C1 e C3. Come sempre sostenuto da Nardi, che dopo anni di studio e assalto a quello Sperone, fatti di osservazioni continue, di ritiri, di tentativi e consultazioni col suo esperto meteorologo e fidato amico Filippo Thiery, aveva sempre detto che sopra i 6400 metri , i pericoli oggettivi per i seracchi potevano essere evitati, in grande parte. E aveva già dimostrato di sapersi ritirare, o di non tentare quando le condizioni apparenti erano di bel tempo. Su questo consiglio la lettura della toccante lettera che Filippo Thiery ha voluto scrivere, idealmente, all’amico scomparso.

Del Rischio e dell’ Azzardo : un dibattito aperto per tutti gli Alpinismi 

Il dibattito su rischio e azzardo, esulando da questa vicenda e dal suo tragico epilogo, potrebbe essere molto interessante ma va affrontato senza timore reverenziale e affrontando una centrale questione nell’Alpinismo, da sempre: come definire il confine tra rischio, e sua gestione più o meno oculata, razionale e basata il più possibile su dati oggettivi, e l’azzardo ? Come vanno considerati fattori quali l’intuito e la predisposizione personale di ogni alpinista ?

Come poter stabilire criteri il più possibile oggettivi, anche a fronte di personalità alpinistiche così diverse – grazie al cielo ! – tra loro ?

Qualcuno rimproverava, alla luce del Sole e prendendo posizioni così nette, uno come Ueli Steck, che affrontava in velocità, in solitaria , quasi sempre senza protezioni, pareti spaventose e oggettivamente rischiosissime (come la Sud dell’Annapurna , ad esempio ) ? 

Lo stesso Simone Moro, quando affrontò con Boukreev l’Annapurna salvandosi per miracolo, o più recentemente il Gasherbrum II con Urubko e Richards utilizzando una finestra brevissima di bel tempo, sottoponendosi a un rischio elevato nella discesa velocissima e nel whiteout, con problemi a ritrovare la traccia, e con tanto di valanga che rischiò di ammazzarli tutti, esattamente in una zona conosciuta per la pericolosità dello scarico di valanghe , avrebbe dovuto essere criticato per l’azzardo ? 

Riguardo al Valore di una scalata per la quale si assume un certo rischio, ad esempio : cosa porterebbe di più , alla Storia dell’Alpinismo, il ripetere la via normale sul K2, con corde fisse, in invernale , visti i succitati rischi oggettivi e visto che l’unico fattore “aggiunto” sarebbe il…periodo invernale, per completare la “sfida” ?

Al sottoscritto è evidente che sarebbe comunque un fatto storico . Ogni nuova via su un 8000, di per sé, brutta o bella, rischiosa o meno, rappresenta un evidente e tautologico nuovo fatto storico. Senza giudizio sulla qualità della stessa, sia chiaro.

Non credo si possa , secondo me, fissare alcun criterio dogmatico nel definire la “storicità” di un evento ancora non verificato.

E nell’alpinismo, i primi che scalano un 8000 per una via nuova , che fosse considerata pericolosissima o meno, sono entrati nella Storia. Anche quelli che sono morti nel tentativo: attenzione, non è entrare in un Pantheon, non è un elogiare postumo, è un fatto che rilevo, anche solo riaprendo i tanti libri di Alpinismo storico degli anni passati .

A Reinhold Messner , con il massimo rispetto e stima infinita, farei qualche domanda sulle sue posizioni così nette.

Quando, sotto la enorme e “terribile” parete Sud del Dhaulagiri, decise di “girare i tacchi”, perchè il suo istinto glielo suggeriva, perchè dichiarò che sarebbe stato un suicidio visto il continuo bombardamento di valanghe lungo tutti i suoi canali ?  Come mai si presentò personalmente in Slovenia, in aeroporto, ad accogliere e celebrare Tomaz Humar che per primo, in solitaria, l’aveva scalata quasi nella sua interezza ? Perchè allora celebrare un potenziale suicida ? Perchè era sopravvissuto e ce l’aveva fatta ? 

Quando ti accusavano di essere un pazzo suicida, perchè arrampicavi senza protezione su pareti con roccia non certo stabilissima (Dolomiti) , oppure quando l’intera comunità scientifica e alpinistica ti irridevano per voler tentare l’Everest senza ossigeno ? 

Sono domande e riflessioni ovviamente retoriche,  provocatorie,  NON accuse  ! 

Vogliono solo suggerire, con esempi (e ce ne sarebbero tantissimi, nella Storia dell’Alpinismo ) una serie di dubbi, rilevare qualche contraddizione al giudizio severo, senza appello, al sogno e alla visione che Daniele Nardi con Tom Ballard hanno perseguito al centro della parete Diamir. 

Piccola rassegna stampa

Una interessante riflessione è stata fatta, in questo senso, da Enrico Martinet, storico giornalista di alpinismo della Stampa.

Alessandro Gogna ha pubblicato sul suo blog questi altri due articoli, sulla vicenda.

Una intervista a Romano Benet e Nives Meroi sulla vicenda.

Una toccante riflessione di Elisabeth Revol, compagna di Daniele sullo Sperone nel 2013.

Daniele Nardi e Tom Ballard

Daniele Nardi era nato 42 anni fa a Sezze, provincia romana. Aveva scalato l’Everest con l’ossigeno da Nord, il Nanga Parbat, il Broad Peak, la centrale dello Shisha Pangma e il K2 senza ossigeno (leader della spedizione del 2007). L’Aconcagua . Aveva aperto una via (Telegraph Road) sul Farol West (6340 mt) con Lorenzo Angelozzi, e una cima inviolata di circa 6000 mt in Pakistan. Sul Baghirathi III ,assieme a Roberto Delle Monache, apre una nuova via, incompiuta, di oltre 1200 metri.  Sul Nanga Parbat tenta lo Sperone Mummery in solitaria, poi con Elisabeth Revol nel 2013 ; come già detto in precedenza, si aggrega a Txikon e Sadpara e arriva a 7800 metri sulla Kinshofer nel 2015. Nel 2016, con lo stesso team, ha prima un incidente con Adam Bielecki, che si era momentaneamente aggregato e che viene salvato dopo 60 metri di scivolata sul ripido pendio ghiacciato tra C1 e C2 dallo stesso Nardi ; poi cade sul muro Kinshofer per 10 metri, senza conseguenze fisiche : una volta che Moro e Tamara Lunger si aggregano, su invito di Txikon, avviene una rottura dei rapporti di fiducia del romano con tutti, che portano al suo ritiro dalla spedizione. Nel 2017 effettua da leader una spedizione in Pakistan, “Trans Limes”, con Tom Ballard e altri alpinisti, tentando il Link Sar (un 7000 ) per la inviolata parete Nord Est (vedi sotto).

Tom Ballard , figlio di Alison Hargreaves, la grande scalatrice inglese, prima sull’Everest senza supporto e ossigeno, poi morta in discesa sul K2, dopo averlo scalato senza ossigeno, aveva 30 anni. Cresciuto negli ambienti di arrampicata scozzesi e britannici, era poi esploso come fuoriclasse sulle Alpi e sulle Dolomiti, completando l’incredibile sestetto di Pareti Nord in solitaria, in una sola stagione : quella invernale. Aveva ripetuto centinaia di vie difficili, e in più era ai massimi livelli mondiali di dry tooling, disciplina relativamente recente, che utilizza ramponi e piccozza su vie di roccia di difficoltà estrema. Ne aveva disegnate alcune tra le più difficili e celebrate al mondo. 

Con Daniele Nardi – e questa spedizione, incredibilmente, è stata pochissimo citata e considerata nel dibattito durante la loro scomparsa – aveva tentato una nuova via a un settemila remoto e inviolato, il Link Sar (sulla parete opposta, c’era contemporaneamente il team del grande Steve Swanson, leggendario alpinista americano ; Nardi, una volta saputo della presenza degli americani, e dopo averli cordialmente incontrati con Tom, aveva volto il suo sguardo alla parete Est ) . I due, dopo aver aperto una via di allenamento, eppur lunga centinaia di metri su una stupefacente cima innominata, avevano lottato giorni per aprire oltre 1400 metri di sviluppo verticale di una via tra il difficile ghiacciaio che portava al muro finale, dai 5900 metri fino in cima, di verticalità , granito e ghiacci. Le valanghe e il maltempo avevano interrotto il tentativo dei due a poco più di 6100 metri.

Una esperienza che aveva comunque cementato una grande intesa tra i due, così differenti sia caratterialmente che tecnicamente. La prova generale, qualcuno ha scritto, del team per provare lo Sperone.

Ed è Tom Ballard, anche in una intervista rilasciata al TG3 e rilanciata in questi giorni, che parlava della sua libera e convinta scelta di provare il Mummery: “Daniele, se parti e fai la spedizione, io ci sono: proviamo !”

Fonti e ringraziamenti

Anna Piunova , capo redattore mountain.ru su profilo Facebook 

Elena Laletina, editor russianclimb.com , profilo Facebook

Alessandro Filippini , profilo Facebook, Gazzetta Dello Sport e blog

Reinhold Messner, Gazzetta Dello Sport 

Mohammad Ali Saltoro, Atta Ullah, Karim Hayat (dal Pakistan )

Daniele Nardi , Simone Moro, Alex Txikon, profili Facebook 

Filippo Thiery , profilo Facebook 

8000ers,com grazie al genio di Eberhard per le statistiche e tutto , Rodolphe Popier Himalayan DB 

Si ringraziano Karim Hayat, Ali Saltoro, Emilio Previtali, Simone Moro, Alessandro Filippini, Filippo Thiery ,Rodolphe Popier, Philippe Poulet , Manu Rivaud , Anna Piunova, Elena Laletina , Luca Calvi , Filippo Goria, per i suggerimenti, le discussioni, lo scambio di informazioni

Un particolare ringraziamento va ad Alessandro Gogna per i preziosi consigli e il supporto morale.

Questo articolo è anche su http://www.sherpa-gate.com 

 

K2 : un Fortino per Txikon, i rinforzi per i Russi e l’attesa del bel tempo

Le due spedizioni presenti sul K2 non hanno alcun tipo di contatto umano né di scambio tecnico. Un vero peccato ma era prevedibile.

Le differenze abissali di strategia, oltre che quelle culturali e personali, si sono ampiamente manifestate negli ultimi 20 giorni , in cui l’azione sulla montagna si è ridotta ai minimi per il continuo maltempo .

Tuttavia, i russi-kirghizi-kazakhi  hanno continuato numerose rotazioni tra Campo Base, Base Avanzato e fino a Campo 2, portando materiali e mantenendo un minimo livello di acclimatazione ; inoltre, a differenza di Txikon, hanno già praticamente superato la Piramide Nera e hanno il materiale pronto per allestire i Campi superiori, il C3 a circa 7300 metri e il C4 sulla spalla, a 7950 metri circa.

piramide nera, foto del team russo

Alex Txikon ha scelto rigorosamente di non muoversi, e di non far muovere nessuno dei suoi Sherpa, anche in presenza di maltempo moderato. La sua strategia è “risparmiare energie solo per quando ci sarà bel tempo”. Nel frattempo, si è tenuto occupato allestendo un “muro” di ghiaccio, sul principio già usato per costruirsi gli igloo, per proteggere le tende dai forti venti previsti negli ultimi giorni ; l’effetto visivo..è quello di un fortino militare ! 

muro costruito al CB dal team di Txikon

Il team dei russi-kirghizi-kazakhi guidati da Braun e Plivstov è rimasto sempre in azione, anche se ovviamente ridotta, dopo il 1 Febbraio, data in cui il team era sceso dai 7200 metri della Piramide Nera ; in questi 20 giorni, sono state compiute rotazioni fino a C1 e una puntata a C2, inoltre sono arrivati 3 alpinisti kazakhi in questi giorni , grazie a una tardiva sponsorizzazione.

In una interessante intervista rilasciata a Wspinaie.pl , il grande alpinista polacco Leszek Cichy , esperto geodesista e protagonista , tra le altre, della prima invernale all’Everest con Krzysztof Wielicki  nel 1980, esprime le sue considerazioni sulle strategie dei team, sul terreno che li aspetta tra la Piramide Nera (da lui affrontata nell’inverno 1987-88) e la vetta del K2 in modo molto diretto:

” la Piramide Nera non presenta grosse difficoltà tecniche ma è lunga, paragonato ai Tatra direi un III/IV grado, inoltre sono presenti tante corde, non particolarmente rovinate vista l’esposizione e la zona rocciosa, che permettono una progressione abbastanza veloce in buone condizioni” 

 zona piramide nera, foto del team russo

“…il vero problema sarà nella zona tra C3, al termine della Piramide Nera e la spalla : sono circa 700-800 metri di percorso che, dagli schizzi e dai racconti di Denis Urubko nell’ultimo tentativo ha affrontato un breve tratto, sono notevolmente crepacciati e pericolosi; dipenderà dalla presenza di neve o ghiaccio, potrebbe essere faticoso trovare il giusto percorso”

Sull’acclimatazione: “i russi , se pensano di salire entro la fine di Febbraio – che ritengono la vera fine dell’inverno – hanno bisogno di dormire almeno una notte oltre i 7000 metri , poi tornare giù. Non c’è molto tempo rimasto”.

Ma è parlando di Alex Txikon che Cichy si fa sferzante : “le sue due spedizioni all’Everest e quello che ha fatto finora al K2, cioè rimanere quasi sempre al Campo Base, dimostrano che sbaglia qualcosa, che sia logistica, strategica . Non è affatto preparato, non è mai riuscito a salire nemmeno la Sella Sud [..] non ha alcuna acclimatazione, che si ha solo compiendo sforzi attivi. E mettere le corde fisse parallele è stato folle”.

Anche Denis Urubko si è espresso in modo simile, ed è convinto che nessuno dei 2 team riuscirà a salire entro il 28 Febbraio, fine dell’Inverno per l’alpinista di origine kazaka. Nell’intervista appena rilasciata, Denis ha affermato di essere piuttosto stanco di spedizioni, e di prevederne una al Gasherbrum II questa Estate per fare una nuova via, una al Broad Peak in inverno e tra 2 anni quella decisiva al K2 invernale , prima di ritirarsi.

“Il buon alpinista è il vecchio alpinista” , ha affermato Urubko , che in questo inverno si è perfezionato su roccia in Patagonia con la compagna Pipi Cardell.

Nei prossimi giorni è prevista una clamorosa finestra piuttosto lunga di bel tempo, tutta da confermare – i modelli meteorologici oltre i 3 giorni sono sempre imperfetti – sia sul K2 che sul Nanga, e presto vedremo se ci sono minime possibilità di riuscita da parte di uno dei team presenti..

 Nanga Parbat : neve, neve e ancora neve

Un breve aggiornamento dal Nanga Parbat: Daniele Nardi e Tom Ballard sono praticamente fermi da oltre 2 settimane al Campo Base, salvo una puntata al C2 (5700 metri), per disseppellire il sacco con il materiale.

                  verso c2 foto Nardi

Al Nanga la quantità caduta di neve è stata notevole , anche se normale per la stagione ; soprattutto, nelle brevi finestre di bel tempo, i due non hanno potuto muoversi granchè per le valanghe conseguenti agli accumuli, molto pericolose proprio nella zona del C2-C3 , alla base dello Sperone.

Nel frattempo sono giunti portatori con scorte di cibo e materiale tecnico, nella speranza di poter salire lo Sperone Mummery in velocità durante una finestra di bel tempo. 

                       tom ballard foto Nardi

L’acclimatamento è ormai perso, anche se i 2 si mantengono molto positivi e attivi al Campo Base, dove Nardi e Ballard si allenano spesso in drytooling su massi da Boulder e ultimamente Tom Ballard in una bella discesa in sci da un canalone laterale del Nanga.

Tom Ballard si è espresso così :

“questa spedizione sembra sempre più una bella vacanza. Stiamo bene al Campo Base, troviamo sempre nuovi problemi di drytooling sui massi attorno, e ultimamente mi sono molto divertito a sciare su magnifica neve…”

Anche per loro, l’attesa di una finestra abbastanza lunga di bel tempo è il sogno del momento…

 

 

K2

Come previsto e scritto nell’aggiornamento precedente, la spedizione di Alex Txikon si è accodata al team russo-kirghiso-kazako sullo Sperone degli Abruzzi.

Nonostante Txikon avesse scritto chiaramente che sarebbe tornato a verificare la parete Est (e la via degli Americani) , il giorno dopo i fatti hanno mostrato che aveva già deciso di non tornarci, e improvvisamente il basco ha dichiarato “che la montagna scaricava tutto lo scaricabile su quel versante [Est,ndR] e che il traverso [per ricongiungersi agli Abruzzi, sopra i 7500] era troppo pericoloso” . 

La squadra di sherpa di Alex, e Alex stesso, hanno attrezzato fino a oltre Campo 1, parallelamente alle corde già installate dall’altro team . I russi hanno già attrezzato fino ai 6500 metri, all’inizio del famoso e tecnico Camino Bill . 

Entrambi hanno dormito a C1, vedremo oggi le condizioni del…traffico sulla via .

K2, in parete verso C2,team russo-kazako-kirghiso

Al momento, leggendo “in controluce” le dichiarazioni, non si intravedono grandi possibilità che i team uniscano gli sforzi sulla “Normale” del K2: sarebbe stato auspicabile, un allestimento massiccio di corde non aiuta certamente una progressione facile tuttavia crediamo e speriamo in un patto tra i due capispedizione per non ostacolarsi a vicenda, nel proseguire sulla Via – soprattutto sul Camino Bill e la “piramide nera”  e verso i 7200 metri di Campo 3, che non dispone di grandi spazi .

*** Aggiornamento 13:53 GMT + 1 Waldemar Kowalewski, membro della squadra di Txikon, si è fatto male a causa di una caduta mentre portava un carico pesante sui 6000mt. Durante il ritiro a , è caduto nuovamente e si è perso sul ghiacciaio prima di raggiungere il Campo Base, al buio. Alex è riuscito a contattarlo via radio, inviando aiuto; ora è a Campo base, in attesa di essere portato via in elicottero : per lui la spedizione è finita .

Manaslu

Situazione veramente difficile, per Simone Moro, Pemba Sherpa e i 2 cuochi assistenti al Campo Base del Manaslu.

Una eccezionale precipitazione di neve ha letteralmente sepolto le tende degli alpinisti, costringendo gli stessi a smontarle e ripararsi tutti nella grande tenda cucina, turnandosi in continuazione per spalare l’accumulo terrificante – “Situazione terribile[..]Cazzo, 6 metri di neve !” le comprensibili parole di Simone, che prosegue :

“Si rompesse la tenda cucina saremmo davvero fottuti. Gas e benzina ci bastano per 6 giorni, il cibo per qualche giorno in più. Qui è un oceano di neve in movimento, valanghe gigantesche ovunque. Il Campo Base è stato saggiamente posizionato su un cocuzzolo, ventoso ma super sicuro”

                   neve al Manaslu (Moro)

Nanga Parbat

Situazione altrettanto problematica per il team di Daniele Nardi. Daniele e Tom Ballard sono saliti fino al Campo 2, hanno dormito lì circondati da valanghe spaventose, passate fortunatamente a lato ; hanno proceduto fino al C1, scrive Daniele, con una fatica enorme causa tantissima neve ; inoltre al C2 una tenda, con molto materiale e i ramponi di Karim Hayat, è sparita ; Rahmat Baig è praticamente fuori gioco, è dovuto scendere a Gilgit per curare con antibiotici i problemi alla gola ma non è guarito .

In aggiunta, Karim ha dichiarato “che non vuole morire in questa montagna” .

nanga parbat c3 5700mt (Daniele Nardi)

Appare certa, quindi, la defezione dei 2 pakistani dalla spedizione.Infatti, Daniele ha scritto

“ho la sensazione che ci basterà una sola tenda, d’ora in poi”.

Daniele e Tom non mollano e procederanno a verificare le condizioni di C3, ma non dormiranno causa altissima probabilità di valanghe.

Purtroppo, nella tenda perduta, c’era molto materiale importante per la scalata…

K2 

La spedizione russo-kazako-kirghisa , sotto la direzione di Vassily Pivtsov, è arrivata al Campo Base del K2 il 14 gennaio .

Il 19 gennaio il team ha montato il C1 a circa 5900mt .

 

K2, C1 team russo-kazako-kirghiso (Pivtsov)

in questi giorni, prima del maltempo, il team ha attrezzato corde fisse fino a 6300 mt , poco prima del previsto C2. I forti alpinisti hanno lavorato in non certo ottimali condizioni meteo , dimostrando una forte determinazione.

K2, in parete verso C2,team russo-kazako-kirghiso (Pivtsov)

Non si può certo dire lo stesso del team capitanato da Alex Txikon, arrivato poco dopo i russi e che è stato impegnato, praticamente, a costruirsi 2 igloo a campo base, brillante intuizione del basco , che ha descritto la gioia nel dormire serenamente e con solo -5°C , ma soprattutto con silenzio e asciutto, all’interno della costruzione tradizionale esquimese.

K2, igloo della spedizione di Alex Txikon

Oggi giunge notizia che Alex Txikon e soci, finalmente,  si recano al CB avanzato , per procedere a una ricognizione della Parete Est – esattamente un anno fa, Denis Urubko, descriveva entusiasta la possibilità di salire un contrafforte laterale della inviolata Parete (eccettuata la via di cresta, però esposta al temibile jetstream) . Il basco scrive che “non esclude ancora” lo Sperone Abruzzi, confermando la sua geniale capacità e intuizione nella diplomazia con le altre spedizioni e sfruttare, a suo favore, la presenza di un team che ha già allestito le corde e il tracciato praticamente fino a C2. 

Dobbiamo notare che è trascorso un mese abbondante e che il team di Txikon non ha alcun tipo di acclimatazione e non ha alcuna idea , neppur minima, di cosa trovare sul versante Est ; molti affermano che i tempi fossero una decisione nota, obiettivo  “lavorare” duramente con l’obiettivo di salire in Marzo,  tuttavia chi scrive è convinto che presto, Alex Txikon annuncerà l’unione delle forze col team russo-kazako-khirghiso sullo Sperone Abruzzi.

K2, i 2 igloo della spedizione di Alex Txikon

Nanga Parbat 

Il team di Daniele Nardi – il romano, Tom Ballard e i pakistani Rahmat Baig e Karim Hayat – è in procinto di riprendere l’esplorazione sulla nuova via lungo lo Sperone Mummery, dopo alcuni giorni di intensa nevicata . Da ieri, col miglioramento del tempo, la parete dovrebbe aver cominciato a scaricare.

Nanga Parbat,dopo la nevicata verso C1

Daniele Nardi ha approfittato della pausa per prendere lezioni di drytooling dal fuoriclasse della disciplina, Tom Ballard.

Nanga Parbat , drytooling a Campo Base

Daniele Nardi ha parlato, sul suo Diario Spedizione inviato via newsletter e web, della progressione fino a 6200mt sullo Sperone Mummery, raccontando del suo desiderio di ritrovare il “messaggio in bottiglia” che lasciò nel tentativo in solitaria qualche anno fa, contenente la famosa frase di Mummery , riadattata : 

“impossible by fair means, alone in winter “

                                                                          

                                                                                         Nanga Parbat C3 5700mt

Le immagini del tentativo sono impressionanti, lo Sperone è ghiacciato e tecnico ; la maggiore preoccupazione del team sarà trovare un punto adatto per installare il Campo “C4” , a metà sperone , e che sarà decisivo nella strategia di scalata del team. Infatti, superato lo Sperone alla quota circa di 6700 metri, c’è l’enorme Basin, nel punto di uscita dal Mummery in pendenza, vera incognita in termini di possibili crepacci verso il trapezio sommitale . 

Nanga parbat sperone Mummery (Daniele Nardi)

 

Nanga Parbat sperone Mummery (Daniele Nardi tom Ballard)

Le grandi incognite per il team sono inoltre rappresentate dalla posizione problematica del C3, alla base del Mummery e dove c’è materiale per la parete, soggetto a scariche di neve , e dal ritrovamento del sacco con materiale lasciato prima del maltempo, a quota 6200mt.  In realtà lo Sperone Mummery è stato “appena assaggiato”, dubitiamo alquanto che , per quanto forti assieme, il team possa trovare una chiave in stile alpino puro. La strategia che crediamo Nardi abbia in testa, prevede comunque l’allestimento di almeno 2 altri piccoli “Campi” (una tenda ) fino ai 6700mt : dopo , è tutto “hic sunt leones”

Manaslu

Simone Moro e Pemba Galjie Sherpa hanno raggiunto quota 6400mt , poco sotto C2, prima della brutta sorpresa di trovare un largo crepaccio che impedisce, senza scaletta metallica, di proseguire. Rientrati al CB, da giorni il duo è costretto in tenda e a spalare, causa nevicata notevole, come già capitò nella spedizione con Tamara Lunger. 1,5 Metri di neve accumulata.

                                                                                      Manaslu, CB dopo la nevicata

Il meteorologo di fiducia di Simone, Karl Gabl, ha previsto un miglioramento in questi giorni, il duo conta di muoversi per verificare le possibilità, intraviste da Simone, nel trovare una variante che permetta di evitare i grossi crepacci che sbarrano la via normale verso la vetta del Manaslu.

 

Manaslu, C1 (Simone Moro)

Impressionanti e suggestive le immagini della via tra C1 e C2, che mostrano le difficoltà e i pericoli oggettivi notevoli lungo il percorso a cavallo tra i 6000 e i 6400 metri circa . Anche quest’anno, il Manaslu si dimostra veramente ostico per la quantità enorme di nevicate che si accumulano, che vanificano in modo drastico gli sforzi di un tentativo in stile alpino. Vedremo…

Manaslu, seracco, verso c2 (Simone Moro)
Manaslu, verso c2,crepaccio (Simone Moro)

Nanga Parbat : breve storia dello Sperone Mummery

Albert Frederick Mummery, definito da Hermann Buhl  ( diventato primo salitore del gigantesco 8000 pakistano ) , “uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi” , era forse troppo avanti per il suo tempo : il suo tentativo , il primo in assoluto, di salire un 8000, avvenne nell’ Estate 1895, assieme ad altri 3 alpinisti britannici e 2 portatori. Un piccolo team, “by fair means” (con mezzi leali) , precursore dello stile alpino. Mummery tentò prima di salire lungo quella via, pare giungendo ai 6100 metri, per poi scomparire per sempre, assieme ai portatori, nel tentativo di spostarsi lungo il versante Rakhiot per cercare un altro accesso alla montagna.

A lui è dedicato il nome della linea quasi “a piombo”, che si erge dal ghiacciaio Diamir, e che sale lungo un formidabile sperone roccioso – il Mummery, appunto – fino a quasi 7000 metri, dove orrendi e giganteschi seracchi segnano il passaggio sul Basin , ovvero il plateau enorme e crepacciato che infine porta al “trapezio sommitale” del Nanga, ultimi 1000 metri prima della vetta.

     sperone mummery nanga parbat

Nessun alpinista – tranne i fratelli Messner, costretti a scendere lungo lo sperone o nelle sue immediate prossimità, nella terribile traversata susseguente alla scalata che li portò in vetta lungo la parete Rupal ; luogo dove infine trovò la morte Gunther, quasi giunto alla base sul ghiacciaio , travolto da una valanga , alla fine di Giugno del 1970 – ebbene nessun alpinista ha mai più provato quella linea, considerata suicida per l’imbuto terrificante di valanghe, i seracchi incombenti, la difficoltà anche solo nell’accesso allo Sperone per il ghiacciaio orrendamente crepacciato.

Reinhold Messner  ha sempre parlato della potenziale via lungo lo Sperone come impossibile e suicida, una linea “che non porta da nessuna parte”, piena di pericoli oggettivi. 

Dichiarazione di Messner comprensibile anche alla luce di cosa provò su quella parete  e condivisibile per l’ oggettiva presenza di pericoli : la costante rottura dei seracchi appesi, con conseguente scarica di valanga, più volte testimoniata anche nel bel video , diretto da Francesco Santini, prodotto da Daniele Nardi , “Verso l’ignoto”. La speranza di Nardi è che nella stagione invernale le temperature estreme riducono queste scariche e che lungo lo Sperone c’è una zona – piuttosto stretta e aleatoria – dove salire senza essere eccessivamente esposti.

Nessuno, tranne l’alpinista italiano Daniele Nardi, che è giunto al 5° tentativo su questa via. Daniele Nardi ed Elizabeth Revol sono l’unico “team” che ha raggiunto il punto più alto sullo Sperone Mummery, a circa 6450 metri nel 2015.

 

                          Daniele Nardi

 

Da allora gli altri tentativi si sono sempre fermati prima, anche perchè Nardi non ha più trovato compagni disposti a rischiare lungo quella via: la stessa Revol, assieme a Tomek Mackiewitz, rifiutarono di unirsi a Nardi , sia per il ritardo nell’arrivo dell’alpinista romano al Campo Base sia perchè avevano già cominciato il tentativo lungo la via Messner Eisendle : la via che i due completarono l’anno scorso, al durissimo prezzo della morte di Tomek e del congelamento e perdita di dita dei piedi di Elizabeth, salvata poi da Urubko, Bielecki, Tomala, Botor che erano impegnati sul K2 – accorsi, con grande coraggio e umanità, per tentar di salvare i due, tentativo che appunto si concluse col recupero della Revol a 6100 metri poco sopra il muro Kinshofer e con l’impossibilità di provare a salire oltre i 7000 metri dove Tomek si fermò, ormai vinto da un probabile edema cerebrale.

Quest’anno, finalmente, Daniele Nardi è riuscito a formare un team di 4 alpinisti per la sfida al Mummery: lui stesso, gli alpinisti pakistani Karim Hayat, Rahmat Ussain Baig e il fortissimo e giovane Tom Ballard , alpinista inglese già capace della salita delle 6 pareti Nord delle Alpi in stagione invernale e in solitaria , a 26 anni : Cima Grande di Lavaredo, Pizzo Badile, Cervino, Grandes Jorasses, Petit Dru e l’Eiger.

Nei primi 10 giorni di spedizione, il team ha mostrato un formidabile affiatamento ed è riuscito ad allestire 3 campi , il c1 a 4700 metri come deposito materiali, il c2 a 5200 metri verso l’uscita del ghiacciaio, e il c3 dentro un crepaccio, alla base dello Sperone roccioso vero e proprio a 5700 metri.

 

Nei prossimi giorni la spedizione affronterà il vero e proprio muro roccioso.

 

 Inverno in Karakorum: Nanga Parbat

Daniele Nardi e Tom Ballard sono appena partiti per il Pakistan, dove raggiungeranno l’alpinista pakistano Rahmat Ullah Baig e un altro alpinista pakistano di cui al momento non conosciamo il nome. 

               Tom Ballard e Daniele Nardi ( ph montagna.tv )

“Saranno membri effettivi e non portatori di alta quota, mossi dal desiderio di scalare la loro montagna”

chiarisce  Nardi, in merito ai due compagni pakistani . 

I quattro puntano all’apertura in stile alpino di una nuova via lungo lo Sperone Mummery del Nanga Parbat. In assoluto, Nardi precisa che il suo vero obiettivo è completare lo Sperone Mummery, fino a circa 7000 metri. Poi, se possibile, salire in vetta.

Nardi è al 4o tentativo sullo Sperone, con Elizabeth Revol arrivò sino a 6400-6500 metri qualche anno fa.

E’ veramente interessante il legame tra Daniele e Tom, il primo mediatico, estroverso e con una grande esperienza di spedizioni himalayane e in karakorum, il secondo giovane, più introverso, con qualità tecniche e su ghiaccio notevolissime ma con una sola spedizione “grande” alle spalle, il tentativo al Link Sar proprio con Daniele. Altrettanto interessante la scelta di includere due alpinisti pakistani, cosa che rende il team eterogeneo ma potenzialmente molto motivato e preparato a una sfida decisamente durissima. Lo sperone Mummery è infatti ritenuto quasi “impossibile”, per le condizioni oggettive di pericolo in parete, e l’accesso via un ghiacciaio estremamente crepacciato, tra campo base e c1.

                 potenziale via / sperone mummery nanga parbat

Inverno in Karakorum: K2

Alex Txikon, il forte alpinista spagnolo basco, ha annunciato due nuovi membri nel suo team, che ora conta nove alpinisti per tentare l’Invernale sul K2 , unica scalata senza ossigeno da completare per la stagione fredda.

          Alex Txikon K2 WinterTOP

Saranno i polacchi Pawel Dunaj e Marek Klonowski , già appartenenti alla cordata Nanga Parbat – Justice for All – assieme al compianto Tomek Mackiewicz , morto durante la discesa dopo aver compiuto la prima scalata in stile alpino e per una via nuova del colosso pakistano, assieme ad Elizabeth Revol , miracolosamente e tenacemente sopravvissuta.

Alex ha inoltre annunciato la collaborazione con la spedizione russo-kirghiza che avrà lo stesso obiettivo, condividendo la grande tenda mensa al Campo Base.

Con queste scelte, Alex Txikon si dimostra grande organizzatore e ottimo catalizzatore di alpinisti da ogni parte del mondo ; la grandissima motivazione e resilienza del basco, unita alla bravura degli altri membri , la capacità di sopportare le estreme condizioni dei polacchi, sono fattori importanti.

Inoltre , a sorpresa, ha ventilato tra le possibilità di non scalare per la via Abruzzi, ma per la via americana (il leader era il grande Jim Whittaker ) del 1978 lungo la Cresta Nord-Est, lunga e con pericolose cornici che poi traversa per la parete Est e infine si ricongiunge allo Sperone degli Abruzzi (cresta Sud-Est). Fu la seconda via aperta nella storia del K2 e la prima senza ossigeno. 

A proposito di quella grande impresa, vi proponiamo questo bellissimo collage di stupende immagini colte da un  membro della spedizione :

Approach to K2 – 1978 from Dianne Roberts on Vimeo.

Traduciamo questa importante e controversa intervista, rilasciata da Tom Livingstone a Rockandice e pubblicata il 21 Agosto.Ringraziamo per la disponibilità Michael Levy, Associate Editor della prestigiosa testata statunitense.

Tom Livingstone, insieme agli alpinisti sloveni Aleš Česen e Luka Stražar, ha effettuato la seconda ascesa confermata di Latok I, e la prima salita in assoluto confermata dal nord. (C’è la possibilità che la squadra russa di Alexander Gukov e Sergey Glazunov abbia raggiunto la vetta attraverso la cresta nord, anche se Gukov crede di aver completato la cresta Nord ma ritiene di non aver raggiunto la vera cima. La squadra anglo-slovena ha scalato tre quarti della famigerata cresta, prima di traversare verso il colle tra Latok I e II e finire la loro nuova via verso la cima sulla parete sud.
Rock and Ice ha raggiunto Livingstone tramite WhatsApp ed e-mail, e il giovane britannico ha espresso alcune suggestive intuizioni sul Latok I, la loro scalata e la sfortunata spedizione di Alexander Gukov e Sergey Glazunov.

 

strazar-livingstone-cesen (ph livingstone)

Congratulazioni per la scalata ! Puoi raccontarci dei piani che avevate, rispetto alla spedizione [sul Latok,ndT]?

Entriamo sempre in questi progetti con una mente aperta, ma certamente l’obiettivo principale era scalare Latok I dal lato nord, dal ghiacciaio Choktoi. Il secondo obiettivo era scalarlo nel migliore stile percorrendo tutta, o una parte della Cresta Nord. Volevamo fare un’ascensione pulita in stile alpino ,in sette giorni o meno.

Eravate già al Campo Base quando è avvenuto il salvataggio di Gukov?

Sì, eravamo al Base quando è successo.
Quando siamo arrivati,il 13 luglio, una squadra russa di due aveva cominciato l’attacco alla parete la notte prima. Un’altra squadra russa , composta da tre alpinisti, ha cominciato la notte dopo. Sebbene abbiamo cercato di ignorare i russi e di non essere messi sotto pressione dalle altre squadre sul nostro obiettivo, era impossibile non provare un pò di rivalità amichevole. Quando il team in duo ha vissuto la sua tragica epopea (Sergey è morto, e Alexander è rimasto bloccato in parete), abbiamo offerto tutta la nostra assistenza per aiutare loro, e appoggio ai tre russi che erano a campo base.

La morte di Sergey e il successivo salvataggio di Alexander hanno rafforzato in noi l’evidenza dei pericoli di spingersi troppo lontano su un percorso del genere. La cresta nord superiore è complessa, ad alta quota, e inevitabilmente hai scalato moltissimo e per molti giorni, per arrivarci.
Il processo decisionale non è facile, specialmente con la parte finale e sommitale. Il tempo peggiora inevitabilmente ,dopo tanto tempo trascorso a quell’altitudine: le finestre di opportunità sono generalmente piccole nel Karakorum. Sono comunque sicuro che l’intera cresta nord può essere ancora scalata.

Voglio fare le mie condoglianze alla famiglia di Sergey, e augurare ad Alexander una rapida guarigione.
Tuttavia sono molto critico nei confronti delle azioni e delle parole di Alexander.
Anche se ho cercato di zittirmi, sento che è importante per me parlarne.

Alexander ha avuto un’avventura epica sulla cresta nord già l’anno scorso. Ha trascorso 15 giorni sulla montagna, e i suoi due partner hanno sofferto pesantemente. Uno ha perso un paio di dita dei piedi, l’altro tutte le dita dei suoi piedi e alcune parti delle dita della mano. Il commento finale di Alexander, in un rapporto, recitava : “Sono fiducioso di avere una buona possibilità la prossima volta”. Questo ci ha fatto arrabbiare (a me e ai miei amici sloveni). Sembrava non curarsi dell’ordalia e del pericolo che aveva appena attraversato. Uno dei suoi amici [russi,ndT] al Campo Base,quest’anno, ci ha detto: “Non è capace di capire quando ritirarsi”. Ha anche rafforzato le voci sullo “stile russo”, cioè il successo a tutti i costi, qualunque sia il prezzo.

Quando Alexander e Sergey stavano scalndo, quest’anno e si trovavano in alto sulla montagna, hanno ripetutamente affermato che stavano facendo ambiziosi e irrealistici “tentativi di vetta”. Erano molto al di sotto della vetta (circa 6.800 m), e nonostante i tentativi nei giorni precedenti, hanno di nuovo e ancora (per forse tre giorni di fila) spinto per la cima. Li abbiamo osservati attraverso il binocolo al campo base, ed eravamo nervosi per il loro atteggiamento, così rischioso.

Il loro ritmo rispetto ai nove giorni precedenti era incredibilmente lento. Era improbabile che il loro ritmo fosse migliorato sensibilmente durante i tentativi di vertice, e stavano scalando distanze molto ridotte ,ogni giorno di più. E’ arrivato maltempo, in alta quota, ed erano molto stanchi, dopo molti giorni, senza molto cibo.
La loro perseveranza è stata impressionante, ma crediamo che avrebbero dovuto ritirarsi qualche giorno prima.
Infatti, quando è comparso il maltempo, hanno comunque fatto un tentativo di vertice.
Abbiamo scosso la testa e abbiamo pensato che si stessero spingendo troppo lontano, a un’altitudine troppo alta, per troppo tempo.
Pensavamo che avrebbero avuto una discesa da ordalia.
Persino i loro amici russi al Campo base erano preoccupati e fecero organizzare il volo di un elicottero per controllare le loro condizioni e tentare di lanciare rifornimenti .

Poco dopo, Sergey è caduto ed è morto.

Sei giorni dopo, Alexander soccorso in elicottero.
Penso che questo fosse il suo diciottesimo giorno sul muro. Quando è stato portato sul ghiacciaio, Aleš ha detto: “Non ho mai visto nessuno così vicino alla morte, ma ancora vivo”.

Sono orgoglioso della nostra ascesa a Latok I. Aleš, Luka e io siamo saliti in pieno controllo mentale. Abbiamo preso decisioni strategiche e sensate. Eravamo indipendenti. Abbiamo scelto la linea più semplice. Siamo tornati sani e salvi dopo sette giorni. Non abbiamo perso le dita delle mani o dei piedi. L’alpinismo è un gioco pericoloso. Se non torni a casa in sicurezza, perdi. Se le dita dei piedi vengono amputate a causa del congelamento, perdi. Certo, era impossibile non essere toccati dal dramma russo.
Ma quando abbiamo discusso delle nostre motivazioni una volta conclusa l’intera epopea, abbiamo deciso di continuare con il nostro piano: scalare Latok I attraverso la nostra linea, che era quella che avevamo sempre immaginato.

Puoi parlarci un po ‘della scalata della tua squadra?

L’itinerario stesso era abbastanza moderato per l’arrampicata. E ‘stato divertente e siamo rimasti molto contenti di quanto velocemente siamo passati attraverso tutto. Eravamo in simul-climbing e procedevamo velocemente.
C’erano naturalmente le solite parti di ripido ghiaccio marcio e non tante protezioni, ma c’è da aspettarselo su una via alpina. Altrimenti ,generalmente, siamo passati su difficoltà moderate.
Dal ​​campo base alla cima e ritorno in sette giorni. Cinque su, due giù. Abbiamo ripetuto il percorso di salita, scendendo.

La discesa è stata semplice o c’è stato qualche intoppo?

Da sempre è la parte dell’arrampicata che mi piace meno. Quindi siamo stati abbastanza strategici durante la salita. Sono piuttosto contento di come siamo saliti al momento giusto e riposati quando non c’erano condizioni sicure.
Quindi, ad esempio, siamo scesi durante la notte, perché le condizioni erano più sicure, tutto era congelato. Poi siamo passati dalla cresta Nord ,a un’altezza di circa tre quarti, fino al colle .
Lo abbiamo fatto perché era più sicuro.

Josh Wharton e Thomas Huber hanno commentato in passato che le condizioni su Latok I sono state diverse quando sono andate in montagna rispetto a quello che aveva fatto la spedizione americana del 1978. Quali sono state le condizioni per voi ragazzi?

È un buon punto. Questa è stata la mia prima volta ,ho idea che le condizioni fossero effettivamente buone, più di quanto si pensasse, in generale. Visto un percorso così lungo, inevitabilmente incontrerai condizioni sfavorevoli. Ma noi abbiamo trovato buone condizioni per la maggior parte della scalata. Ovviamente è una parete nord, ma riceve parecchio sole e attraversa un sacco di cicli temporaleschi.

Se le condizioni siano cambiate da 40 anni fa ad oggi, non lo so..ma me l’aspetto. Josh Wharton e Thomas Huber ci sono stati diverse volte – se dicono che le condizioni sono cambiate, immagino abbiano ragione. Non sarei sorpreso se il riscaldamento globale abbia avuto un effetto sulla via. Il ghiaccio era ghiacciato, la roccia era asciutta e rocciosa.
Penso che anche i russi abbiano avuto buone condizioni. Forse siamo stati fortunati e questo è stato un buon anno, non saprei…

Com’è nata la tua collaborazione con Aleš e Luka?

Ho incontrato Luka a un incontro invernale internazionale BMC in Scozia alcuni anni fa. Anche se non avevamo scalato insieme, siamo andati d’accordo subito e ci siamo incontrati parecchie volte negli anni seguenti.
Luka mi ha invitato in Pakistan, sono andato a scalare in Slovenia lo scorso inverno e in primavera con lui e Aleš. Ci è sembrato subito che andassimo bene, c’era poco da dire e ci siamo goduti la compagnia reciproca.
Non vedo l’ora di salire di nuovo con loro. Sono scalatori forti, esperti e sensibili, e ora buoni amici.

Latok I è la scalata di cui sei più orgoglioso ?

Lo è certamente.

Quali sono i tuoi progetti futuri ?

Vado in India tra tre settimane – con Uisdean Hawthorne e Will Sim – e sono davvero contento dell’idea. Un po ‘presto dopo essere tornato dal Pakistan, ma ne ero consapevole. Abbiamo un permesso per una montagna chiamata Barnaj II, che si trova nel Kishtwar. È stato scalato da alcuni americani negli ultimi due anni, ma la parete nord è inviolata.

LATOK I : The (Un)Finished Business

“the unfinished business of last generation”, così Jeff Lowe, autore del primo storico tentativo di 100 tiri, su 103 previsti più o meno, definisce la cresta Nord del Latok I.

Avevano superato le difficoltà maggiori ma brutto tempo e le condizioni di salute dello stesso Jeff Lowe, costrinsero i 4 grandi alpinisti americani al rientro.

Uno dei più grandiosi fallimenti in stile alpino, che ha ispirato generazioni di alpinisti di tutto il mondo a riprovarci, senza mai avvicinarsi non alla vetta ma nemmeno ai 7000 su 7145 mt del 1978.

foto jim donini
Jeff Lowe, George Lowe, Michael Kennedy on Latok 1, 1978 (ph Jim Donini)

Le prime anticipazioni della clamorosa salita di un trio Anglo Soveno, composto da Ales Cesen, Luka Strazar e Tom Livingstone . parlano di una variante che ha evitato la parte finale della cresta ; quale sia la via scelta, questa impresa è comunque storica, stupefacente. E’ la seconda assoluta al Latok I.

Basti dire che per Tom Livingstone era la prima grande spedizione, anche se il giovane 27enne gallese ha nel suo carnet un’invernale allo Sperone Walker. numerose difficili invernali in Scozia, e una spedizione in Alaska. Di Ales Cesen, 36 anni che dire? Un fuoriclasse capace di scalare tutto in Yosemite, in Himalaya, in Karakorum il Giv ; Luka Strazar, a 22 anni nel 2011 una prima sul K7 e molto altro.

È con una certa emozione, dunque, che aspettiamo di vedere la partitura scelta in quest’opera, compiuta in una settimana, dal giovane trio, che anche se non chiude l’ ” unfinished business”, renderà Jeff Lowe molto contento, anche per il salvataggio del russo Guzov che su Facebook lo stesso Lowe ha seguito e commentato con apprensione : è a lui, a George Lowe, a Jim Donini, a Michael Kennedy, che va il tributo riconoscente e ammirato per un’ispirazione durata 40 anni.

..ma il nostro pensiero speciale va al giovane alpinista russo Sergey Glazunov , morto recentemente mentre scendeva in doppia, dopo un tentativo con Alexander Gukov , quest’ultimo salvato dopo una terribile settimana in parete da piloti pakistani militari…

Secondo le testimonianze di Alexander Gukov, che ha dimostrato un’onestà sincera, Sergey è uscito dalla parete raggiungendo2 l’anticima del Latok I, appena 50 metri sotto ; Sergey era convinto fosse la cima, ma Alexander, secondo di cordata, dalla sua prospettiva si è accorto che la cima vera era poco più distante. Detto questo, capiamo come i russi abbiano quasi sicuramente superato il limite raggiunto dagli americani nel 1978 e percorso integralmente la cresta Nord.

Purtroppo, sappiamo cosa è successo in seguito.

Salvataggio in longline di Alexander Gukov sul Latok I (ph Askari Aviation)

Anna Piunova, redattrice in capo del prestigioso sito russo mountain.ru, instancabile organizzatrice e punto focale anche per i soccorsi all’alpinista russo bloccato a 6200 metri, ha ricevuto il seguente SMS da Aleš Cesen:

” Abbiamo seguito la cresta nord per 2/3, poi ci siamo spostati a destra, salendo il colle tra il Latok I e II, infine abbiamo continuato sulla parete Sud fino alla cima. Per noi, era la linea più logica e sicura in quella situazione. Ci abbiamo messo sette giorni, tra scalata e discesa.”

Nei prossimi giorni sapremo di più sulla seconda salita assoluta del Latok I da Cesen & Co., avremo maggiori dettagli sulla salita di Gukov e non dimentichiamo che alla base della montagna pakistana dovrebbe esserci un certo Thomas Huber ….

Latok I (e II , sulla destra dietro alla cresta Nord del Latok I) blackdiamondequipment credit

Le vie sui Latok

In una documentata ricerca di Stefano Lovison su alpinesketches pubblicata nel 2014, che riprende a sua volta uno splendido articolo di Montagne 360° di Carlo Caccia, troviamo una cronologia dei tentativi al Latok I, per la maggior parte sulla inviolata cresta Nord (cit), che riportiamo, integrandola con i tentativi salienti, dal 2015 fino ad oggi. Prima,  ringraziando ancora Stefano Lovison, riprendiamo la sua bella mappa fotografica, con indicazione di alcune vie e vari tentativi, aggiungendo le probabili linee delle 2 spedizioni recenti, la russa e la angloslovena di questo Agosto 2018 :

1.Jim Donini, Michael Kennedy, Jeff Lowe e George Lowe, 1978;
2.Cresta nord ovest del Latok II, Álvaro Novellón e Óscar Pérez, 2009;
3.Tentativo di Josh Wharton, Colin Haley e Dylan Johnson, 2009; Giri-Giri boys, 2010;
4.Tentativo di Fumitaka Ichimura, Yusuke Sato e Katsutaka ‘Jumbo’ Yokoyama, 2010; Maxime Turgeon e Louis-Philippe Menard avevano tentato la linea nel 2006 fermandosi a circa 5300 metri;
a. linee in progetto di Josh Warthon;
b. progetto della spedizione russa 2012.
In rosso, Glazunov/Gukov Luglio2018 Cesen/Livingstone/Strazar Agosto 2018 (presunte e stimate)
(foto di Josh Warthon)

Luglio-Settembre 1975
Un team giapponese guidato da Makoto Hara circumnaviga il gruppo dei Latok via Biafo, Simgang, Choktoi, Panmah e ghiacciai Baltoro. Valanghe e frane impediscono qualsiasi tentativo significativo.

Luglio-Agosto 1976
Un team giapponese guidato da Yoshifumi Itatani tenta il couloir tra i Látok I e III (Látok Est), raggiungendo circa 5.700 m. prima di tornare indietro di fronte alla caduta di seracchi.

Agosto-settembre 1977
Un team italiano guidato da Arturo Bergamaschi esplora il percorso tentato dai giapponesi nel 1976 ma decide che è troppo pericoloso. Fanno la prima salita della Latok II dal ghiacciaio Baintha Lukpar.

Giugno-Luglio 1978
Gli americani Jim Donini, Michael Kennedy, Jeff Lowe e George Lowe tentano la lunghissima cresta nord, impiegando 26 giorni in capsula-style . Raggiungono in punto più alto finora raggiunto a circa 7000 m.

Giugno-luglio, 1979
Un team giapponese guidato da Naoki Takada compie la prima (e finora unica) salita del Latok I attraverso la parete sud. Dopo un lungo assedio e con l’impiego di molte corde fisse e tre campi a sinistra del canalone tra Latok I e III, sei alpinisti raggiungono la cima.

Luglio 1982
I britannici Martin Boysen, Choe Brooks, Rab Carrington e John Yates tentano la cresta nord due volte, la seconda fino ad un punto a circa 5.800 m.

Luglio 1986
I norvegesi Olav Basen, Fred Husøy, Magnar Osnes e Oyvind Vlada tentano la cresta nord, fissando almeno 600 metri di corde fisse e di raggiungendo i 6.400 m. dopo 18 giorni di scalata. Passano altri 10 giorni tra bufera e neve pesante prima di arrendersi.

Luglio-Agosto 1987
I francesi Roger Laot, Remy Martin e Laurent Terray installano corde fisse sui primi 600 metri della cresta nord. Per una forte nevicata tornano indietro da un’altezza di circa 6.000 m.

Giugno, 1990
I britannici Sandy Allan, Rick Allen, Doug Scott e Simon Yates e l’austriaco Robert Schauer compiono una serie di ascensioni nella zona ma non tentano quello che è il loro obiettivo primario a causa di condizioni difficili e pericolose e per la molta neve sulla cresta nord del Latok I.

Luglio-Agosto 1992
Jeff Lowe e Catherine Destivelle tentano la cresta nord, incontrando enormi funghi di neve sul percorso. Carol McDermott (Nuova Zelanda) e Andy McFarland, Andy MacNae e Dave Wills (Gran Bretagna) raggiungono circa i 5900 m. sulla cresta durante due tentativi nella stessa spedizione.

Luglio-Agosto 1993
Gli americani Julie Brugger, Andy DeKlerk, Colin Grissom e Kitty Calhoun tentano la cresta nord, tornando a circa 5.500 m. a causa del brutto tempo.

Agosto-settembre 1994
Gli alpinisti britannici Brendan Murphy e Wills Dave tentano la cresta nord raggiungendo i 5600 m. sul loro secondo tentativo.

Luglio-Agosto 1996
Murphy e Wills ritornano sulla cresta nord, raggiungendo circa 6100 m. metri prima del ritiro a causa della perdita di uno zaino. Due tentativi successivi sono ostacolati a 5900 m. dal cattivo tempo.

Agosto 1997/1998
Gli americani John Bouchard e Mark Richey tentano la cresta per tre volte, l’ultima con Tom Nonis e Barry Rugo, raggiungendo il punto più alto a 6100 m. A differenza delle precedenti spedizioni, riscontrano temperature elevate e condizioni di asciutto che portano alla caduta di rocce dalla parte alta della parete.
Seguendo un pilastro di roccia dal fondo della parete, trovano una linea superba con difficoltà fino a 5.10. Torneranno l’anno successivo sulla North Ridge per un altro infruttuoso tentativo a causa del maltempo.

Agosto 2001
Wojciech Kurtyka (Polonia) e Yasushi e Taeko Yamanoi (Giappone) hanno un permesso per la cresta nord ma non riescono ad attaccare a causa di avverse condizioni meteorologiche.
Stein Gravdal, Halvor Hagen, Ole Haltvik e Trym Saeland (Norvegia) raggiungono circa 6.250 m. dopo 15 giorni sulla via.

2004/2005/2006
I fratelli Benegas (Argentina) tentano la cresta nord per tre anni di fila. I primi due anni avversati dal cattivo tempo nonostante le ottime condizioni della montagna.
Nell’agosto del 2006 una forte tempesta li ferma a circa 5500 m.

Agosto 2006
Maxime Turgeon e Louis-Philippe Menard (Canada) tentano la futuristica parete nord, ritirandosi da 5.300 m. a causa del gran caldo e delle condizioni estremamente pericolose della parete. Rivolgono quindi la loro attenzione sulla cresta nord ma si ritirano per la troppa neve fresca.

2007
Tentativo degli americani Bean Bower e Josh Wharton

Luglio 2008
Secondo tentativo di Wharton e Bowers che tentano la cresta ma sono avversati dal maltempo. Due soli giorni di bel tempo non permettono che il raggiungimento di 5500 m. di quota prima del ritiro.

Luglio 2009
Josh Wharton, Colin Haley e Dylan Johnson sono respinti dalla cresta nord del Latok I , dopo aver bivaccato a quota 5830 metri.

Luglio-agosto 2009
Álvaro Novellón e Óscar Pérez tentano la cresta raggiungendo circa i 5.800 m per le pessime condizioni della neve.
Decidono quindi di cambiare obiettivo focalizzandosi sul Latok II (7.108 m) dove riusciranno nella prima salita completa della cresta nord-ovest. Questa notevole scalata purtroppo finirà in tragedia, quando per una caduta durante la discesa rimane gravemente ferito Pérez. Nell’impossibilità di trasportare il compagno, Novellón scende da solo per chiedere aiuto, creando una grande mobilitazione internazionale di salvataggio.
Immobilizzato a 6500 metri sulla cresta nord-ovest del Latok II con una gamba e una mano fratturate, abbandonato alla sua sorte, per Óscar Pérez non fu più possibile alcun soccorso.

Luglio 2010
I Giri-Giri Boys Fumitaka Ichimura, Yusuke Sato e Katsutaka ‘Jumbo’ Yokoyama si ritirano dalla cresta nord a circa 5.900 metri per le condizioni di neve molto pericolose. Prima di questo tentativo la squadra aveva provato l’impressionante parete nord raggiungendo un’altezza di circa 5.900 metri.

Giugno-luglio 2011
Ermanno Salvaterra, Andrea Sarchi, Cege Ravaschietto, Marco Majori e Bruno Mottini.
Dopo aver passato 6 giorni in parete e aver raggiunto quota 5.300 metri circa sono costretti al ritiro per il maltempo e pericolo di valanghe.

Luglio-agosto 2012
Tentativo dei russi Oleg Koltunov, Vyacheslav Ivanov, Shaman Valera e Ruslan Kirichenko.

2015
Thomas Huber rinuncia al tentativo per condizioni impossibili della parete

Agosto 2016
Thomas Huber al Latok I con Toni Gutsch, Sebi Brutscher, Max Reichel e gli statunitensi Jim Donini, George Lowe e Thom Engelbach . George e Jim, reduci del 1978, assieme a Thom per una scalata commemorativa in un 6000 della zona. Il dramma sull’Ogre II e la scomparsa dei fortissimi Adamson e Webster, spingono Thomas Huber a prendere parte a un tentativo di salvataggio, con salita della cresta a 6200 mt sull’Ogre II, dopo le infruttuose ricerche in elicottero. Il team, nonostante Huber volesse fare un tentativo, decide di non affrontare la cresta del Latok I per le condizioni della parete, oltre al segno lasciato dal dramma sull’Ogre II

Luglio-Agosto 2018
Tentativo dei russi Alexander Gukov e Sergey Glazunov. Sergey Glazunov guida da primo l’ultimo tiro su una torre in uscita dalla cresta Nord, convinto di essere in cima . Al rientro, Glazunov muore per caduta e Gukov rimane bloccato per giorni a 6200 metri, prima del salvataggio in extremis, compiuto dai coraggiosi piloti dell’Askari Aviation militare, tramite longline. Proprio in questi giorni Gukov, dall’ospedale, testimonia che secondo lui hanno scalato tutta la cresta ma che la torre era circa 50 metri più in basso della vera cima. Analizzando la topologia, se verrà confermata questa versione, la cresta nord è stata integralmente scalata. Il team anglo sloveno composto da Cesen, Livingstone e Strazar, compie una salita della cresta nord “per 2/3, poi traversando sul colle tra Latok I e II, transitando sulla Sud per arrivare in cima..la linea più sicura e logica per noi..” . Insomma, una variante della via del 1978 con probabili innesti su vie già percorse, parzialmente, ma comunque seconda assoluta del Latok I. Thomas Huber è in arrivo sulla montagna, al momento in cui scriviamo: vuole effettuare un tentativo dopo la consueta stagione, convinto che il riscaldamento globale possa aver posticipato i tempi proficui per un tentativo alla cresta Nord. Non sappiamo se ha cambiato idea…

——


👋

Le eccezionali immagini del drone pilotato da Bartek Bargiel, fratello dell’alpinista Andzrej ( impegnato nel tentativo di scalata del K2 e successiva discesa integrale in sci) , che mostrano Rick Allen sul Broad Peak , dato per disperso e probabilmente morto a seguito del mancato ritorno dal suo tentativo di vetta solitario.
Rick Allen, pellaccia durissima scozzese, era caduto per qualche centinaio di metri , fortunatamente senza gravi ferite, ma si era trovato fuori via.
Grazie all’aiuto del drone (e del cuoco della spedizione, il primo ad aver avvistato il suo zaino col telescopio da Campo Base) i soccorsi hanno felicemente incontrato e aiutato a scendere Rick, poi evacuato in elicottero.

bartek bargiel, pilot of drone

 

COMUNICATO UFFICIALE / DA LUDOVIC GIAMBASI, MANAGER DI ELIZABETH REVOL

Dopo aver parlato con Elisabeth, ecco la mia opinione sulla patologia che è stata probabilmente causa della morte di Tomek.

Tomek era  malato da alcuni giorni, con problemi digestivi. Come ogni altro problema di salute, anche minimo, questo ha  influenzato la capacità del corpo di acclimatarsi.

Elisabeth evoca molto bene l’enorme fatica che Tomek ha mostrato al suo arrivo sotto la vetta con l’aumento di ritmo respiratorio … “.

Ciò è dovuto alla dispnea (anormale mancanza di respiro sentito – uno dei primi segni di HAPE (edema polmonare di alta quota).

Immediatamente, all’inizio della discesa, Tomek aveva una tosse associata a dispnea, un segno di Irritazione alveolo-bronchiale dovuta alla presenza di liquido negli alveoli polmonari (essudato dai vasi) In questa fase, l’evoluzione patologica è sistematicamente fatale in assenza di una discesa veloce di quota, in quanto tutto il meccanismo di acclimatazione è sconfitto.

La cecità di Tomek può essere stata causata da diverse cose ( oftalmia della neve o emorragia o problema di ischemia retinica , in questo contesto).
Lo stato di Tomek è quindi peggiorato nonostante la discesa intorno ai 7300 metri.

Si può immaginare che Tomek avesse una soglia di acclimatazione (altitudine al di sopra della quale il suo corpo non è in grado di acclimatarsi fisiologicamente) che era tra l’altitudine massima raggiunta da Tomek in passato e la cima del Nanga Parbat (soglia inferiore, comunque, a causa dello stato infiammatorio puntuale dovuto al suo problema gastrico.

Elisabetta descrive molto bene di aver notato “tracce di sangue nella barba di Tomek …. ” è il sintomo finale dell’edema polmonare … un ” essudato schiumoso rosa ” che corrisponde alle secrezioni bronchiali ,con un po ‘di sangue dalle lesioni alveolari.

L’HAPE di TOMEK era nella sua fase finale, la sua saturazione di ossigeno doveva essere particolarmente compromessa e la sua capacità di progredire a causa della mancanza di carburante (= ossigeno) al suo minimo (da qui l’abbandono per risalire fino a raggiungere campo 2 o 3)

Sembra che Tomek non abbia avuto edema cerebrale in alta quota perché non ci sono segni neurologici presenti in quello che mi dice Elisabeth: è rimasto coerente, non delirante e cosciente fino a molto tardi. nella fessura probabilmente dovuta alla profonda ipossia).

Tomek molto probabilmente è morto nelle ore successive (3,4,5 ore) addormentandosi senza soffrire affatto.

tomek mackiewitz

 

Un po ‘di opinione personale sulle allucinazioni di Elizabeth . Questi non sono dovuti a edema cerebrale secondo me  … ha recuperato la sua scarpa e ha avuto la lucidità di scendere.

L’edema cerebrale, come l’edema polmonare, sarebbe aumentato senza alcun miglioramento e si sarebbe trasformato in coma, poi in certa morte senza una rapida e completa discesa.

Dott. Frédéric CHAMPLY
medico dell’unità medica di alta montagna degli Ospedali del Paese del Monte Bianco
Capo del dipartimento di emergenza / Medicina di montagna
Responsabile di SEMES SEMI_
Ospedali del Monte Bianco
380 Hospital Street
74700 SALLANCHES

“SOS frostbite” è una linea aperta H24 / 7J al termine della quale un medico di montagna del nostro team risponde e fornisce consigli sul congelamento, sul congelamento del grado (stadio) e consiglia … la consulenza è gratuita – +33 4 50 47 30 97